Concorso Ricordando Nuto

Concorso Ricordando Nuto - Ottava edizione
"...libri non inutili per giovani che vogliono sapere"
(Rigoni Stern) "Qual è la speranza che lei ha coltivato più intensamente, più assiduamente in questi decenni di grandi cambiamenti ?" – chiede Eugenio Manca a Nuto Revelli in un’intervista comparsa su Libera Età dell’aprile del 1998. "Più che speranza in qualcosa - risponde Nuto - speranza in qualcuno: io ho conservato una speranza nei giovani. Non li mitizzo, non mi illudo, vedo che una parte di essi è insensibile, distratta, imbalsamata. Ma molti vogliono capire, chiedono di essere aiutati a capire. E noi abbiamo il dovere di farlo." Revelli l’ha fatto: ricordando, scrivendo, raccogliendo testimonianze e dando voce a chi è stato, da sempre, inascoltato. E poi, ancora, infaticabile, partecipando a un’infinità di incontri con il pubblico in tutta Italia, dialogando con migliaia di studenti in centinaia di assemblee e dibattiti nelle scuole, tenendo lezioni nelle Università. Al centro sempre un imperativo: trasmettere ai giovani la necessità di capire, formarsi una coscienza critica, saper leggere il mondo in cui si vive. Proprio con questo obiettivo, da anni, ormai, il Laboratorio Didattico della "Fondazione Nuto Revelli" e "Mai tardi – Associazione amici di Nuto" incontrano i giovani in Fondazione, promuovono concorsi, intervengono nelle classi. Quest’anno, in occasione dell’VIII edizione del concorso "Ricordando Nuto" proponiamo la lettura di un libro scelto tra quelli indicati e divisi in base all'ordine di scuola.
I ragazzi dovevano scrivere un racconto ispirato ad un libro a scelta tra quelli di Primo Levi, Mario Rigoni Sterno e Nuto Revelli, inventando un personaggio aggiunto. Hanno partecipato i ragazzi e le ragazze di terza acconciatura con diversi testi.
Molti di loro sono risultati tra i finalisti.
Martedì 10 maggio alle 10 è avvenuta la premiazione a Cuneo, alla presenza di Marco Revelli, foglio di Nuto.
Ilenia Rosso, di Terza Acconciatura, si è guadagnata il terzo posto con un racconto ispirato a Il sergente nella neve di Rigoni Stern.
Una menzione speciale è andata a Chiara Isaia per una poesia intitolata Fantasma, ispirata a Il mondo dei vinto di Nuto Revelli.
Hanno inoltre ricevuto un attestato per i loro lavori Giuseppina Messidoro, Ilaria Monteleone e Luca Borra.
Il CNOS-FAP di Fossano è stato premiato con un attestato e un buono libri da 200 euro!!!
Grandi soddisfazioni, insomma!
image (3)
image (2)