ENERGIA E BIOEDILIZIA

Immagine

Ringraziamo sentitamente quattro ditte che operano sul territorio fossanese e che venerdì 3 maggio hanno organizzato presso il nostro centro CNOS-FAP di Fossano, un seminario sulle costruzioni innovative a basso impatto ambientale a cui hanno partecipato le classi terze dei settori Termoidraulico ed Elettrico:
  • Un  grazie particolare a BONELLI LEGNAMI per essere stato il promotore dell’evento e per l’invito rivolto ai nostri allievi a visitare il cantiere di una casa in legno che verrà realizzata nei prossimi giorni in città.
  • TERMOIDRAULICA PANERO MASSIMILIANO
  • DOMOTICA LABS
  • TOP SERRAMENTI
Un bell’esempio di sinergia scuola e impresa che si propone di gettare un ponte tra la formazione teorica della scuola e quella pratica e concreta del mondo del lavoro. E’ un’occasione straordinaria per i nostri giovani per crescere e per sviluppare competenze sempre più  spendibili sul mercato del lavoro.
“Bene comune” vuol dire coltivare una visione lungimirante, vuol dire investire sul futuro, vuol dire preoccuparsi della comunità dei cittadini, vuol dire anteporre l’interesse a lungo termine di tutti all’immediato profitto dei pochi, vuol dire prestare prioritaria attenzione ai giovani, alla loro formazione e alle loro necessità. Vuol dire anteporre l’eredità che dobbiamo consegnare alle generazioni future all’istinto primordiale di divorare tutto e subito. Grazie a tutti coloro che si adoperano per la realizzazione del bene comune, così chiaramente definito da Settis, illustre archeologo e storico d’arte.

Il Cortile dietro le sbarre: il mio oratorio al Ferrante Aporti

Don Mecu locandina A4Questo il titolo del libro, che verrà presentato Lunedì 9 Novembre 2015 alle ore 21.00 presso la Sala Barbero del Castello degli Acaja in Fossano, i cui diritti d’autore della vendita saranno devoluti per sostenere lo studio e l’accompagnamento al lavoro dei giovani detenuti del carcere minorile Ferrante Aporti” di Torino. Si tratta di un ricco libro-intervista che raccoglie le memorie personali di don Domenico Ricca, don Mecu per gli amici, sacerdote salesiano, da 35 anni cappellano dell’istituzione carceraria minorile torinese. Un libro che vuole rendere omaggio a San Giovanni Bosco nel Bicentenario della nascita. Perché fu proprio dal dolore e dalla speranza vissute tra le mure carcerarie dell’allora “Generala” che nacque il Sistema Preventivo, pilastro dell’educazione salesiana che farà di don Bosco il “santo dei giovani”. A raccoglierle è stata Marina Lomunno, giornalista e redattrice del settimanale diocesano di Torino La voce del popolo, nonché collaboratrice del quotidiano Avvenire e di diverse altre testate cattoliche nazionali. Una lunga intervista che si legge quasi come un romanzo. Un libro che parla di libertà. Perché il carcere minorile non è un mondo a parte: può e deve diventare una famiglia, un oratorio, una scuola. Se c’è gente che spende la propria vita e ci mette la faccia. Come don Mecu.
L’ingresso è libero.

Giornata studio su Don Bosco

In occasione delle iniziative collaterali alla celebrazione del Bicentenario della nascita di Don Bosco, avrà luogo sabato 25 ottobre 2014, con inizio alle ore 9.30, presso l’Aula Magna del Liceo Scientifico Statale “G. Ancina” – Piazza Don Mario Picco 6/Via Tripoli 4 – Fossano (CN), una giornata di studio dal titolo DON BOSCO EDUCAVA COSÌ – IL SISTEMA PREVENTIVO DI DON BOSCO COME DIMENSIONE EDUCATIVA.
Promossa dall’Unione Exallievi “Don Bosco” di Fossano e realizzata da un gruppo di allieve del Liceo delle Scienze Umane di Fossano con l’ausilio tecnico di uno studente del Liceo Linguistico di Fossano sotto la direzione della Prof.ssa Isabella Garavagno, la ricerca si è proposta di analizzare la forza e l’attualità del metodo pedagogico salesiano.
Per l’occasione interverrà il Sen. Andrea Olivero, Vice Ministro alle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali.
Modererà l’incontro Ezio Lignola, Presidente dell’Unione Exallievi “Don Bosco” di Fossano.

Visualizza la brochure dell’evento.